Fiat G.59-B

Aeronautica Militare Italiana, anni '50

Il Fiat G.59 era un aereo da addestramento ad ala bassa a sbalzo realizzato dalla Fiat nel periodo postbellico, progettato dall' ingegnere Giuseppe Gabrielli e derivato dai precedenti G.55 Centauro e G.56. Grazie ad una serie di valutazioni comparative ottenute con l' installazione di diversi motori sulla cellula dell' unico G.56 sopravvissuto, si ritenne che il motore più adatto fosse il britannico Rolls-Royce Merlin, per cui l' ingegner Gabrielli, progettista dell' originario G.55 da cui ha inizio la serie, modificò il G.55 in funzione dell'ottimizzazione del Merlin, della possibilità di trasformarlo in biposto e di aggiornarlo con le ultime specifiche tecnologiche. Il nuovo modello prodotto venne denominato Fiat G.59, disponibile dai primi mesi del 1948, fu introdotto nel 1950 come addestratore nella scuola di volo di Lecce dell' Aeronautica Militare, sia nella versione monoposto, la G.59-1A che nella biposto G.59-1B.